Le dimensioni delle confezioni e le etichette possono variare.

Test IDEXX Brucellosis Ovine/Caprine Ab

Brucellosi ovina

Questo kit può essere utilizzato unicamente per scopi sperimentali nei Paesi UE e non a fini di analisi normativa. Non esiste uno standard internazionale disciplinante la determinazione della rilevabilità ELISA per ruminanti di piccole dimensioni. La soglia proposta per questo test è stata definita in base all’analisi di sieri positivi e negativi relativi ad allevamenti di origine nota. Corrisponde a circa 15 unità internazionali con metodo di agglutinazione.

* Disponibilità/Distribuzione: al di fuori degli Stati Uniti 

 

Contattaci

Dettagli


Numeri e formati dell’articolo

P04310-10 (10 piastre/strisce)

Brucellosi ovina

La brucellosi ovina è causata da un batterio chiamato Brucella ovis (B. ovis). Tutte le razze di pecora sono suscettibili alla brucellosi, una malattia che può provocare perdite economiche notevoli a causa dell’eliminazione degli arieti, della riduzione delle percentuali di marcatura degli agnelli e dell’estensione delle stagioni dell’agnellatura. La malattia produce l’infiammazione dell’epididimo negli arieti e della placenta nelle pecore gravide. La brucellosi ovina è stata rilevata nelle pecore in Australia, Nuova Zelanda, Stati Uniti, Sudafrica ed Europa.

L’infezione delle pecore gravide conduce all’aborto e alla morte neonatale degli agnelli a causa di modificazioni microscopiche e macroscopiche che si verificano nella placenta e nel feto. L’infezione non persiste nelle pecore non gravide, ma può persistere per molti mesi in quelle gravide. Tale caratteristica è incisiva nel controllo della malattia.

In molti paesi l’uso rutinario dei vaccini contro la brucellosis non è più consentito. I programmi di eradicazione della brucellosi si basano ora esclusivamente sullo screening sierologico delle mandrie di pecore e bestiame per il rilevamento e la rimozione degli animali infetti.



* Non tutti i prodotti sono tutti disponibili e/o registrati in tutti i paesi