IDEXX SDMA

SDMA caso clinico: Zeke

La SDMA aiuta a smascherare la chronic kidney disease in un gatto ipertiroideo

Informazioni generali

Nome: Zeke
Età: 14 anni
Razza: Gatto domestico a pelo corto
Sesso: Maschio

Motivo della visita e anamnesi
I proprietari di Zeke erano preoccupati dal fatto che l’animale sembrasse avere un maggiore appetito, ma perdeva peso. Avevano anche notato che beveva e urinava di più e che miagolava più del solito. I proprietari affermavano che sembrava essere attivo, ma le sue abitudini in casa erano cambiate.

Esame obiettivo
Zeke era magro con un punteggio di condizione corporea (BCS) di 2,5 su una scala di 9. Presentava una malattia
parodontale moderata, tachicardia e un nodulo palpabile nella regione del collo.

Piano diagnostico

Si raccomandava esame emocromocitometrico completo (CBC), pannello biochimico comprendente il test IDEXX SDMA e gli elettroliti, analisi completa delle urine e T4 totale. I risultati del CBC erano nella norma. Gli altri risultati sono mostrati di seguito.

Revisione diagnostica

  • Sulla base dell’anamnesi, dell’esame fisico, e dei referti di laboratorio, a Zeke veniva diagnosticato ipertiroidismo.
     
  • L’elevato valore di SDMA* suggeriva la necessità di ulteriori indagini: la Chronic Kidney Disease (CKD) è una patologia progressiva che può essere concomitante ad altre condizioni mediche. Sulla base dei risultati diagnostici, l’ipertiroidismo doveva essere considerato una priorità, ma anche la funzionalità renale richiedeva approfondimento e supporto.
     
  • Ulteriori possibili approfondimenti diagnostici consigliati: la diagnostica per immagini di torace e addome può aiutare a confermare e definire la condizione medica identificata tramite gli esami di laboratorio su sangue e urine, così come l’eventuale impatto su altri organi (per esempio il cuore). Tramite un elettrocardiogramma è possibile determinare lo stato del sistema di conduzione del cuore. Si raccomandava anche la misurazione della pressione arteriosa, che è spesso associata sia alla malattia renale che all’ipertiroidismo.

Diagnosi e follow-up

  • Venivano trattati con successo l’ipertiroidismo con I-131 e la concomitante CKD allo stadio IRIS 2.

  • Un mese dopo il trattamento con I-131, il livello di T4 totale era pari a 0,7 μg/dL, quello della SDMA era a 17 μg/dL e la creatinina era aumentata da 0,9 a 1,8 mg/dL. Le urine erano ancora insufficientemente concentrate, con peso specifico pari a 1,014.

  • La SDMA continuava a indicare problemi nella funzionalità renale, nonostante il valore della creatinina fosse all’interno dei limiti di normalità.

  • Zeke non venne portato ai controlli per diversi mesi, ma una rivalutazione dei parametri di laboratorio confermava che l’ipertiroidismo era stato curato con successo. Continuava a presentare valori elevati della SDMA, una creatinina normale e urine diluite.

  • Secondo le linee guida IRIS per la stadiazione della CKD, Zeke presenta una chronic kidney disease allo stadio IRIS 2. Senza il contributo della SDMA, la patologia renale non sarebbe stata diagnosticata. Per curare Zeke, il veterinario ha seguito le linee guida IRIS: questo ha contribuito a rallentare la progressione della CKD e allungare l’aspettativa di vita del paziente.

Reperti del paziente

Biochimica

T4 totale

Analisi delle urine

Risultati di laboratorio di controllo

Discussione

Il caso di Zeke rafforza l’ipotesi che la SDMA sia un biomarker per la salute renale più affidabile della creatinina.1–5 In questo esempio in particolare, la SDMA ha continuato a indicare la presenza di malattia renale, mentre la creatinina è stata influenzata dal metabolismo e della massa corporea.

Sia la malattia renale che l’ipertiroidismo sono condizioni mediche comuni nei gatti anziani. Il concomitante ipertiroidismo ha rappresentato in questo caso una sfida ulteriore per l’attendibilità della creatinina, poiché aumenta il metabolismo e incrementa artificialmente la velocità di filtrazione glomerulare (VFG). La presenza simultanea delle due patologie ha messo in luce la mancanza di creatinina, mentre gli effetti dell’iperfiltrazione sulla SDMA sono solo lievemente alterati grazie alla capacità della SDMA di rilevare precocemente la malattia renale, e al fatto che non è influenzata da altri fattori come la massa muscolare.4–5

Perché la SDMA è importante

Scorri per vedere i software e dispositivi di punta.

Clicca sulle foto per scoprire come gli interventi intrapresi sulla base dei risultati ottenuti con il test IDEXX SDMA hanno permesso di aiutare Reese, Molly, Bess, Jimmy, Mary Jane, Scarlet e Zeke. 

*Dimetilarginina simmetrica.

Bibliografia

  1. Hall JA, Yerramilli M, Obare E, Yerramilli M, Yu S, Jewell DE. Comparison of serum concentrations of symmetric dimethylarginine and creatinine as kidney function biomarkers in healthy geriatric cats fed reduced-protein foods enriched with fish oil, L-carnitine and medium-chain triglycerides. Vet J. 2014; 202(3): 588-596.
  2. Hall JA, Yerramilli M, Obare E, Yerramilli M, Melendez LD, Jewell DE. Relationship between lean body mass and serum renal biomarkers in healthy dogs. J Vet Intern Med. 2015; 29(3): 808-814.
  3. Nabity MB, Lees GE, Boggess M, et al. Symmetric dimethylarginine assay validation, stability and evaluation as a marker for early detection of chronic kidney disease in dogs. J Vet Intern Med. 2015; 29(4): 1036–1044.
  4. Hall JA, Yerramilli M, Obare E, Yerramilli M, Jewell DE. Comparison of serum concentrations of symmetric dimethylarginine and creatinine as kidney function biomarkers in cats with chronic kidney disease. J Vet Intern Med. 2014; 28(6): 1676-1683.
  5. Hall JA, Yerramilli M, Obare E, Yerramilli M, Almes K, Jewell DE. Serum concentrations of symmetric dimethylarginine and creatinine in dogs with naturally occurring chronic kidney disease. J Vet Intern Med. 2016; 30(3): 794-802.